• Lingua

  • Eventi > Montecarlo - Nel vento e nel ricordo

    01-02-2020 / 25-02-2020


    Inaugurata la mostra a Montecarlo, rimarrà aperta fino al 25 febbraio

    È stata ufficialmente inaugurata il 31 gennaio, nella sede della Scuola Secondaria dell’Istituto Comprensivo di Montecarlo, la mostra “Nel vento e nel ricordo - Storie di bambini ebrei della Shoah della Provincia di Lucca” una realizzazione dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea della Provincia di Lucca, con ricerca e documentazione a cura di Silvia Quintilia Angelini, Luciano Luciani ed Emmanuel Pesi.



    La mostra è allestita nell’atrio della Scuola Secondaria e consta di 18 pannelli che raccontano e illustrano con foto e documenti episodi e storie di vita di bambini ebrei che, residenti o sfollati nella nostra provincia, si sono trovati a subire qui le discriminazioni e le persecuzioni conseguite alle leggi razziali, fino alla deportazione.



    Per la presentazione a Montecarlo è intervenuto il professor Luciano Luciani, che ha prima introdotto l'argomento proponendo ai ragazzi delle classi terze un quadro storico dettagliato e molto interessante sulla situazione della provincia di Lucca negli anni dell'occupazione tedesca; quindi ha guidato ogni singola classe nell'esame dei pannelli esposti, conducendo gli studenti nel vivo delle storie personali di famiglie e bambini ebrei.

    L'iniziativa della mostra, da parte di Istituzione scolastica e Comune di Montecarlo , ha lo scopo di offrire ad alunni e famiglie un'occasione ulteriore e diversa per riflettere su una pagina di storia che ha generato catastrofi nelle comunità e nei singoli, facendola conoscere attraverso testimonianze che riguardano un territorio vicino e conosciuto, con nomi di luoghi e di persone familiari. Un'iniziativa legata al programma 2020 del Giorno della Memoria, di cui il sindaco Federico Carrara, presente all'inaugurazione con l'assessore all'istruzione Marzia Bassini e la dirigente scolastica Barbara Mechelli hanno sottolineato il forte valore per un recupero sempre più completo della verità storica, contro la rinascita di antichi pregiudizi e per sconfiggere quell'indifferenza che in molti casi sembra pervadere l'attuale società pur così globalmente interconnessa. La mostra rimarrà esposta nei locali scolastici fino al 25 febbraio.